IL RACCONTO DEI PRIMI DUE GIORNI

IL PROGRAMMA

GIOVEDI' 7

VENERDI' 8

SABATO 9

DOMENICA 10

Tutti i giorni dalle 17 alle 20, interviste ed approfondimenti a cura di RadioSonar e la Salita del Quadraro

null

Non hai potuto seguire la diretta?

Sul sito di Radio Sonar potrai trovare i podcast:

I Dibattiti

[rev_slider alias=”i-dibattiti”]

Il cinema d'incanto: Storie per piccoli e grandi spettatori

[rev_slider alias=”il-cinema-dincanto”]

Film in Concorso

Il film vincitore del Concorso sarà premiato con un’opera inedita e originale del disegnatore Toni Bruno
[rev_slider alias=”filminconcorso”]

Made in Cinecittà

[rev_slider alias=”made-in-cinecitta”]

Lezioni di Cinema

[rev_slider alias=”lezioni-di-cinema”]

Documentari

[rev_slider alias=”documentari”]

IL PREMIO BEN HUR

2016

E’ un viaggio che racconta le angosce, le tensioni, i desideri, lo smarrimento, quello che compiono le donne e gli uomini per sopravvivere alle forze ostili e misteriose, che minacciano con la violenza ed il caos le loro esistenze. Le realtà vissute diventano trappole, ma attraverso un innato istinto di ribellione e libertà può avvenire la rinascita. Ed è questo che narra lo sguardo innovatore e dissacratore del Maestro del Cinema Dario Argento, cineasta-creatore di un linguaggio figuativo magnetico, originale e potente, capace di rimandare ad una realtà altra che dà voce alle inquetudini e alla spiritualità nascosta delle cose.

Dedichiamo il premio “Ben Hur” della III edizione del Cinecittà Film Festival a Dario Argento, regista generoso e dalla straordinaria ironia, che coinvolge i suoi spettatori, che molto lo amano, alla possibilità di essere liberi, per imparare a guardare e non vedere.

2015

Il cinema, tra i più amati, è quello capace di raccontare, attraverso un atteggiamento irriverente e ironico, le storie di donne e uomini alle prese con le disillusioni, le sconfitte, le inquietudini e la solitudine che la vita porta ad affrontare. Ed è per questo che dedichiamo il premio Ben Hur a Ettore Scola. Autore, regista, narratore straordinario della continua personale ricerca di comprensione e tenerezza, capaci di riscattare, in una società distratta e feroce, l’incertezza della condizione umana.

2014

A Citto Maselli, per il suo sguardo indipendente e rivoluzionario, per l’attenzione e la partecipazione attraverso il suo cinema agli scontri e ai conflitti che la Storia impone all’animo umano, per la rara comprensione e sensibilità nel tratteggiare il mondo femminile e la capacità di avere sempre una visione critica delle contraddizioni interne alla sinistra. Dedichiamo questo premio del primo Cinecittà Film Festival a Citto Maselli, cineasta dall’inesauribile desiderio di liberazione individuale e collettiva.

Dove Trovarci

cbc-si-riunisce rtesize