Domenica 15 Luglio ore 21.00

ARENA GRANDE

“Transfert” di Massimiliano Russo
(2017, Italia) – 101′

Stefano è un giovanissimo psicoterapeuta, molto acuto ed empatico, ma anche inesperto. I suoiprimi pazienti si rivelano essere dei casi particolarmente difficili da gestire, e la sua professione sifa’ insidiosa. Alcuni di loro arriveranno a compromettere la vita del terapeuta, la loro stessa e quella degli altri pazienti. Il film si sostanzia in una grande quantità d’intrighi psicologici e una lungaserie di colpi di scena.
NOTE DI REGIA:
Transfert è un thriller psicologico, è un gioco di specchi, come spesso suggeriscono leinquadrature del film e il loro linguaggio. E’ un avvincente sfida intellettuale servita allo spettatoredai puntuali colpi di scena.
Volevamo che il film per tutta la durata tenesse lo spettatore in tensione che lo catturasse, che fosse capace di estorcere la sua attenzione; per questo abbiamo investito e puntato molto sulla sceneggiatura, sulla trama, sulla credibilità personaggi, dei loro rapporti e dei loro dialoghi.

Domenica 15 Luglio

Film in Concorso

Sabato 14 Luglio ore 21.15

ARENA GRANDE

IL PRINCIPE DI OSTIA BRONX di Raffaele Passerini
(2017) 75 minuti

Attenzione: questo film è rivolto a spettatori che hanno fallito almeno una volta nella vita.
Dario e Maury, due attori rifiutati dal teatro, dall’Accademia e dal cinema, decidono di trasferire il proprio palco sulla spiaggia gay nudista di Capocotta, vicino a Ostia, Roma. Qui arriva gente che ha voglia di sentirsi libera, di non avere regole. Grazie alla perseveranza della loro poetica, che vede nel fallimento una nuova forma di vittoria, Dario e Maury si guadagnano, in 20 anni, l’affetto di un pubblico fedele, assieme ai titoli diPrincipee diContessa.
Estate dopo estate, i due inventano e filmano un vasto repertorio di scene in cui brucia l’amara mancanza di un palco vero, “che solo isignori, igrandi geniitaliani, sono autorizzati a calcare”.
Questo film celebra, in modo irriverente, il fallimento come parodia, rendendo chiunque lo desideri unPrincipeo unaContessa, almeno per un giorno.
Il progetto:Il Principe di Ostia Bronxè un lavoro sperimentale dai toni folk e kitsch accompagnato da musiche inedite che vanno dal pop, alla disco, all’elettronica. Un repertorio di brani inediti firmati da Rossano Baldini – in collaborazione col regista (che ne co-firma e canta alcuni pezzi) – che dialogano con alcuni gioielli della musica d’autore italiana e internazionale, da Antonello Venditti, a Pierangelo Bertoli, a Gala.
Un film ultra-low budget che, dopo essere stato pluripremiato al Biografilm Festival di Bologna,riesce ad approdare nelle sale cinematografiche italiane, distribuito a dalla stessa Kiné in collaborazione con Movieday.

Sabato 14 Luglio

Film in Concorso

Venerdì 13 Luglio ore 21.00

ARENA GRANDE

“Le ultime cose” di Irene Dionisio
(2016, Italia) – 85′

Il film racconta tre semplici storie che si intrecciano al Banco dei pegni di Torino sulla sottile linea del debito morale alla ricerca del proprio riscatto. Sandra, giovane trans, è appena tornata in città nel tentativo di sfuggire al passato e ad un amore finito. Stefano, assunto da poco, si scontra con la dura realtà lavorativa e assiste ai miseri maneggi nel retroscena del Banco. Michele, pensionato, per ripagare un debito si ritrova invischiato nel traffico dei pegni. Un racconto corale sullo stare nel mondo al tempo della grande diseguaglianza.

Venerdì 13 Luglio

Film in Concorso

Giovedì 12 Luglio ore 21.00

ARENA GRANDE

“Un homme est mort” di Olivier Cossu
(2017,Francia) – 66′ v.o. con sottotitoli in italiano

Brest, 1950. La città è in piena ricostruzione a seguito dei bombardamenti di guerra.
Una manifestazione, organizzata dalla CGT, per rivendicare migliori condizioni salariali, viene bloccata con le armi e un giovane operaio Éduard Mazé, viene ucciso dalle forze dell’ordine.
René Vautier, cineasta militante comunista, riprende il fatto e insieme ad alcuni operai decide di realizzare un film al fine di documentare la situazione dei lavoratori e non dimenticare la morte ingiusta e impunita di un compagno. Intraprende questo viaggio con la collaborazione, non sempre facile, di due amici di infanzia di Éduard.
Una volta terminato il film, René organizza una sorta di cinema itinerante, proiettando la pellicola nei cantieri e nei luoghi di picchettaggio di tutta la Bretagna, dando così un nuovo slancio e un nuovo sentimento alla lotta.
Les Armateurs e ARTE realizzano un grande film sociale, adattamento dell’omonimo fumetto di Kris ed Etienne Davodeau, che evidenzia ed omaggia la figura di uno straordinario cineasta combattente, autore di film politici, anticapitalisti e anticolonialisti, René Vautier.

Giovedì 12 Luglio

Film in Concorso